Connected TV: verso il grande schermo multitasking

Oggi siamo immersi  nella TV everywhere : gli italiani che guardano contenuti video  su internet sono circa 20 milioni, un numero impensabile solo fino a qualche anno fa.
Nella gara tra i quattro schermi che si contendono lo scranno del più utilizzato per immergersi nell’esperienza digitale gli smartphone sembrano oramai farla da padrone:
la rete TV NBC ha annunciato che quasi la metà del suo pubblico ha visto le Olimpiadi su smartphone o tablet.

Non un unico schermo, quindi, ma due o anche tre schermi , utilizzati sempre più spesso contemporaneamente, per visualizzare contenuti diversi o semplicemente per fare cose diverse:  guardo la TV, tweetto il commento, chatto su skype….
Ma cosa dobbiamo aspettarci nel prossimo futuro? Un’esperienza digitale sempre più caratterizzata dal multiscreen o una lenta migrazione verso lo schermo unico delle Connected TV?

DAL MULTISCHERMO ALLO SCHERMO UNICO : LA SFIDA DELLE CONNECTED TV
Nel 2011 nelle case degli americani e degli europei, compresi gli italiani, si contano  124 milioni di Connected TV contro 245 milioni di PC e 305 milioni di TV tradizionali.
Si stima che entro la fine del 2014 il numero delle Connected TV  supererà sia quello delle TV che quello dei PC (Fonte IHS Screen Digest).

E quella della Connected TV sembra essere la vera scommessa di quelle che possiamo definire le TV del futuro: Google ed Apple ci stanno già lavorando da tempo, e sembrano oramai pronte ad accoglierci nel loro mondo di offerta “a tutto tondo” per sottrarci, pian piano, dalla fruizione a due/tre schermi e portarci ad avere tutto, ma proprio tutto ciò che desideriamo in un unico schermo, ovvero in un’unica TV.

LA TV DI BIG G E CUPERTINO
Fino ad oggi sia la Google che la Apple TV non hanno avuto un grande successo di pubblico negli USA, colpa soprattutto dei grandi produttori, da Disney a NBC, che non hanno visto di buon occhio l’avanzata delle Connected TV e hanno bloccato la visione di molti dei loro contenuti.
Ma i due concorrenti non sembrano voler fermare la loro corsa. Google ha da pochissimo lanciato la sua TV in Europa e, quasi contemporaneamente, ha inauguratonegli USA  Google Fiber, la nuova rete che promette di farci navigare ad una velocità di 1 giga al secondo (per intenderci una connessione 100 volte maggiore di quella di oggi).
Diciamo che il “noi” è una forzatura: Google Fiber per ora è disponibile solo a Kansas City, che può quindi già considerarsi la città più veloce del web J.
Ad un occhio distratto questi potrebbero sembrare due eventi distinti, ed invece sono strettamente connessi.

Pensiamoci bene: qual è la cosa che, con maggior comodità, si può fare con una rete super veloce? Donwlodare file, sicuramente, ma per questo siamo anche disposti ad aspettare un po’….Ma pensate a cosa significa guardare la TV online con una rete che va ad 1 giga al secondo….Nessuna perdita di immagini, nessuna interruzione….insomma, una visione perfetta..
Ed infatti il colosso di Mountain View sta proponendo un pacchetto top che consente di avere il collegamento internet superveloce e i contenuti televisivi in formato full hd attraverso la Google TV.

Dal canto suo Cupertino non sembra stia a guardare. L’aggiornamento alla versione 5.1 della Apple TV, disponibile in questi giorni, aggiunge numerose funzioni che miglioreranno di molto l’esperienza multimediale. Apple si sta avvicinando sempre più al modello di  TV “non –TV”: un vero e proprio ihub, con schermo touchscreen, controllo vocale e possibilità di essere controllato da Iphone e Ipad, che contiene non solo TV ma anche tutta una serie di APP sviluppate ad hoc per intrattenere….

LA TV DEL FUTURO
E’ questa la vera scommessa  di quelle che possiamo definire le TV del futuro: un unico schermo per una esperienza globale dove il multiscreen viene sostituito dal multitasking. Tutto si può fare all’interno dello stesso schermo: navigare, twittare, vedere la partita, etc….
Nessuna concorrenza diretta, quindi, con la TV tradizionale. Ai contenuti TV le Connected TVaffiancano un “mondo” di applicazioni (android/apple), giochi, calendari, musica, navigazione internet. Un vero e proprio i-hubin grado di offrire servizi più che contenuti.
Un universo chiuso nel grande schermo, da cui non sarà più necessario uscire…..

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in comunicazione, digital, società e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...